Episodio 16 – Perche’ il successo dipende dalle basi, nella vita e nel business

La descrizione, come molto spesso ultimamente, e’ a cura del nostro amato Ludovico, che si prende anche una bella presa in giro nel podcast ma sembra non portare rancore.

Buona lettura e buon ascolto!

Nella Puntata #16 di Business Caffeina ci sono informazioni più IMPORTANTI che mai per te!

Nella loro ConZulenza gratuita settimanale i due geniacci del business italiano più discussi del momento ti shpiecheranno quali sono gli ASPETTI FONDAMENTALI che ogni IMPRESA dovrebbe avere.

Ti avverto subito che se ti aspetti solo estratti vernacolari, alias turpiloquio e scleri verbali sei nel posto sbagliato.

1800252_10152135612541525_744277879730446408_nLa puntata dura meno di un’ora e mezza (che è pur sempre la lunghezza media di un film!) e ci sarà poco spazio per le gag (anche perché sia Frank che Pier si stanno allenando al Brasilian Jiu Jitsu e hanno qualche difficoltà a ridere troppo, per dolore agli intercostali) ma troverai PRECETTI e REGOLE che ti faranno RISPARMIARE un sacco di tempo e soldi.

Per cui, se vuoi sapere cosa spinge un composto imprenditore seriale che opera da anni sul web come Piernicola a farsi strapazzare sulle materassine delle peggiori palestre della Casbah di Rabat, su esempio del già meniño de rua Frankiño Merenda, corri a scaricare il podcast.

Ri-scoprirai le REGOLE BASE per mantenere la rotta nei momenti di crisi, e come essere sempre UN PASSO AVANTI alla concorrenza.
(che non comprendono la lettura dei peli del culo e/o chiedere pareri con l’unico scopo di farsi dare ragione dove ragione non esiste)

Ma soprattutto troverai UN APPROCCIO SERIO agli aspetti della tua Impresa.

Ti saranno di esempio i risultati di Piernicola e Frank, che dove non hanno trovato le regole le HANNO CREATE, senza stare a piangersi addosso e lamentarsi che l’allineamento delle costellazioni non li favoriva.

Conoscerai la “finishing move” più utilizzata dal più medagliato Jitsuka di sempre, Roger Gracie, e come questo può salvare il tuo business.

E finalmente una piccola curiosità: Frank ti svelerà qual è il fenomeno meteorologico che collega l’imprenditore più ricco del mondo e il miglior networker.

Ma soprattutto, preparati a prendere appunti con carta e penna perché ci sono delle vere perle che, se hai un minimo di buon senso, non potrai mancare.

Iscriviti a Business Caffeina su iTunes per ascoltare questo episodio, clicca qui!

Buon ascolto e se non lo hai ancora fatto e ricorda di metterci un commento qui sotto o una splendida recensione su iTunes 🙂

 

Scarica direttamente il podcast iscrivendoti al nostro canale iTunes alla quale accedi cliccando sull’immagine qui sotto:

itunes

Piccola nota: abbiamo deciso di continuare a rilasciare il podcast in esclusiva su iTunes.
Prima di lamentarti, ricorda che noi dedichiamo 3/4 ore a settimana alla creazione di questi materiali gratuiti.
L’unica rottura che tu hai e’ quella di scaricare un software per poter ascoltare.
Direi che se non sei disposto a soffrire un po’ per installare iTunes non li meriti nemmeno.
(PS Mio papa’ a 66 anni mi ascolta su iTunes senza problemi :-))

Nel caso fossi piu’ impedito di mio padre ecco il video che il grande Alessandro Vignolo ti ha preparato per farti vedere come scaricare iTunes se hai Windows.

 

12 thoughts on “Episodio 16 – Perche’ il successo dipende dalle basi, nella vita e nel business

  1. Ilian

    Io credo di essere una persona motivata dallo status. 100% daccordo che la gente deve imparare a stare al suo posto. Personalmente cerco deliberatamente di vivere al di sotto alle mie possibilità ma apparentemente questo sembra dare ad altre persone il permesso di darmi i loro consigli (indesiderati) da dipendente riguardo a come si gestisce un’azienda.

    Come ripristinare lo status senza acquistare una porsche targata “poor people suck” per far capire che devono stare muti e non rompere i coglioni?

    Reply
    1. Piernicola De Maria Admin Post author

      hahahahahahaha mi sembra una OTTIMA idea!

      Reply
  2. Beppe

    Ciao Pier e Frank,
    lo ascolto a breve, ma intanto lascio il mio commento perché quando dico ” prima ascolto poi scrivo un feed” ,
    alla fine non scrivo più nulla… 🙂

    Complimenti per tutti gli atri episodi e soprattutto Grazie!!!

    Reply
  3. Lorenzo Ferrari

    Come al solito eccelsi!

    Bellissimi i paralleli su BJJ. Ho solo un po’ paura perchè in palestra ci sarà un’invasione 😀

    A presto guys

    L

    Reply
  4. Eros

    Non illudetevi, le tempeste ormonali ci sono anche a 55 anni, forse peggio…

    Reply
    1. Piernicola De Maria Admin Post author

      hahahahahah Eros allora mi preparo!

      Reply
  5. Paolo

    Ciao a me non frega un cazzo di elogiarvi e non mi frega un cazzo di criticarvi
    Dico ,sono un cazzo di ignorante, e se da questi corsi che comunque sono gratuti imparo qualcosa vi ringrazio

    Reply
  6. Arturo

    Ciao Ragazzi ,
    continuo con piacere ad ascoltarvi ed in parallelo ascolto i vostri podcast singoli (Efficacia Personale e Venditore Vincente).
    Anche se non sono ancora un vostro studente/cliente vorrei che continuaste a rispondermi come avete fatto in passato.
    In particolare c’ è un commento che ho lasciato sotto gli episodi precedenti dove parlavo di scontri tra davide e golia (piccole aziende vs grandi).
    Un altra cosa : Ricordo quando Frank ha detto che ha trasformato posta power in qualcosa di immateriale.
    Intende dire che le vostre aziende alla fine sono “fisicamente” tutte sul web ? Cioè non esistono uffici di rappresentanza o sedi reali ?
    Una chicca : trattandosi di business e creazione di imprese che girano bene, pensate che in futuro citerete come esempio qualche azienda Italiana ben fatta ?
    E magari anche qualche business man che si è fatto da solo ?
    Grazie mille e avanti tutta.
    Con affetto,
    Arturo

    Reply
  7. Matteo C

    Ragazzi che dire.. eccelsi come sempre.

    Mi è piaciuto tantissimo il discorso sulle basi e sui fondamentali. In qualsiasi disciplina, è il perfezionamento di questi e la maestria nell’utilizzarli a fare la differenza tra un campione e un mediocre. Non c’è altro.

    Anche il discorso sulle false regole costruite dai pregiudizi è stato illuminante.
    Questa in particolare la ritengo una delle piaghe del mondo.. un vero cancro che affligge non soltanto il mondo del marketing, del lavoro, delle relazioni, ecc ecc, ma persino del mondo scientifico che è quello in cui tutto ciò, per definizione, non dovrebbe proprio esserci. Qui mi fermo perché si aprirebbe una parentesi troppo lunga… in ogni caso: ben fatto!

    Comunque vi tranquillizzo: sono uno di quelli che non crede che voi abbiate fatto successo per fortuna per caso, e onestamente non credo di essere parte di soltanto un 1% del pubblico che vi segue.
    Abbiate stima in chi vi ascolta. Anche se non sembra, il mondo è pieno di persone in gamba.

    Con stima,
    Matteo

    Reply
  8. Marco

    Ciao Ragazzi,
    chi vi scrive è un dipendente stufo che ha capito che vuole rendere più produttivo il proprio tempo assumendosi dei rischi per poter mettere a frutto un’idea di business da sviluppare principalmente sul web.
    Da profano in materia vi chiedo: se doveste cominciare oggi a fare impresa con la consapevolezza di quello che funziona o meno, costruita nei vostri lunghi anni di formazione, in che cosa investireste il vostro tempo per poter acquisire le conoscenze necessarie ad affrontare la realtà imprenditoriale di oggi?
    Andreste all’estero per formarvi o se rimarreste in Italia nello specifico in quali corsi/libri che funzionano spendereste i vostri risparmi (in aggiunta ai vostri corsi logicamente 🙂 ), per acquisire il know how minimo necessario per poter pensare di fare impresa?
    Fatemi sapere se ritenete la mia domanda meritevole di discussione all’interno del vostro podcast ma in ogni caso vi chiedo la cortesia di rispondermi anche solo per mandarmi a cagare :).
    Grazie e complimenti per le argomentazioni illuminanti che mi regalate con business caffeina!
    Ciao
    Marco

    Reply
  9. Carminella

    L’altro giorno entra un cliente nel mio “negozio” (erboristeria) e mi fa: sisi queste son tutte puttanate!

    Io gli dico: Senta,io non è che vendo il “sale di Wanna Marchi” che PROMETTO il miracolo,quello che LE posso promettere è la VERITA’.Se lei ha pazienza e costanza,i risultati arriveranno, parola del MERENDA.

    E il cliente: Rendiamo grazie al merenda! (naturalmente poi ha acquistato)

    Reply
  10. Giuseppe

    Ciao Frank …ciao Pier, inutile dire cosa penso del vostro materiale online gratuito…mi sono iscritto per frequentare quanto prima VV. Sto ascoltando in dosi minime consigliate l’audiolibro di Pier che non riesco a finire perché torno sempre indietro negli argomenti cosi densi di cose importanti e l’anno scorso avevo letto e preso spunto per la parte controllo di gestione dal libro business revolution di Alfio. Con questo spero di essermi meritato qualche vaff… colorito 🙂 ed alcune brevi risposte.. Da molti anni….troppi… sono dipendente nelle mia attività’ di servizi tecnici onsite nella monetica. Un lavoro che a 20 mi sembrava stupendo perché mi portava in giro e mi metteva in contatto con imprenditori ed imprese sempre diversi … A 30 mi permetteva una vita allegra economicamente … Ma a 40 mi sta stretto. Col tempo ho clienti prestigiosi ( i piu prestigiosi del settore ) con me lavorano 11 persone di cui 4 a tempo pieno e gli altri in outsourcing. Da sempre cerco di diversificare ma non ci sono mai riuscito perché mi rendo conto che non mi sono saputo vendere e non avevo ben chiari i miei obiettivi ed affidavo il controllo di gestione al commercialista. Un paio d’anni fa ho aperto una gioielleria a mia moglie…funziona e porta lo stipendio a casa…non ho grosse pretese e pensieri per questo negozio…. se non fosse per il dubbio se mi serve continuare a pubblicizzarlo (fino ad ora l’ho fatto un po a cazzo spendendo soldi a destra e sinistra) . Non credo che il negozio stia funzionando per le mie campagne pubblicitarie improvvisate.. Siamo in un piccolo paese.. Praticamente senza concorrenza … Tutti ci conoscono… Il passaparola dopo 2 anni e’ abbastanza in moto…Ma secondo voi ha senso fare pubblicita’ /marketing con queste condizioni? Se si… Sicuramente non marketing a risposta diretta / semmai avessi capito cos’e con precisione prima che non vado al corso di frank…bene.. ho deciso pure di licenziarmi dalla mia azienda per imparare a vendere ed andare a vendere…. Cosa non so ancora… ma troverò’ qualcosa di interessante. Grazie del tempo che mi dedicherete.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *