Episodio 15 – Esistono veramente delle rendite automatiche?

1623292_10152123907291525_6205371619546011956_nPur con la sua bella dose di profanita’, l’episodio di questa settimana di Business Caffeina ha un tono molto calmo e tecnico.

I temi esplorati sono plurimi, a partire dalle famose “rendite automatiche a vita” che si potrebbero costruire con il Network Marketing e le aziende automatizzate, per arrivare al processo da seguire quando e se si pensa di acquistare una azienda gia’ esistente.

E visto che anche questa volta il Maestro Ludovico ha veramente dato il meglio nella sua descrizione poetica, lascio la palla a lui per un resoconto piu’ dettagliato.

Torniamo all’antico, sarà una novità!
(Giuseppe Verdi a proposito di Business Caffeina#15)
– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
[POST DI SERVIZIO]

Se anche tu sei uno dei (moltissimi) fedeli “ascoltatori” del Primo Podcast Italiano, ti meriti un regalo per questa nuova settimana che è appena cominciata, e che ci condurrà nelle braccia del mese più caldo dell’anno, dedicato al primo Imperatore Romano.

Sto parlando del nuovo Episodio di Business Caffeina, giunto alla 15a puntata, e che secondo il palinsesto tradizionale torna sui vostri dispositivi di lunedì!

Perché il business non dorme mai, anzi, se andando in ferie continua a produrre eurini sonanti, o meglio fruscianti (magari in rettangoli viola, e in numero cospicuo) vuol dire che è un business ben strutturato e che non richiede la tua presenza indispensabile per funzionare.

Ecco perché Frank può permettersi le sue quotidiane e ormai arcinote abluzioni a Ipanema, e Pier può dedicarsi a un mese di allenamento sportivo in Tailandia DELEGANDO addirittura qualcun altro anche in questo caso.

A proposito, hai saputo del nuovissimo programma di formazione online proprio sulle capacità di delega che Piernicola ha appena lanciato?

Se anche tu vuoi andare a trovare Frank a Rio l’anno prossimo, (come tutti i neo-affiliati PostaPower) o magari Piernicola a Rabat per un caffè, (cosa tra l’altro di cui sarà ben lieto) vai subito su www.corsodelegafacile.com per imparare una volta per tutte come fare!

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

La puntata di oggi riprende lo standard di lunghezza al quale siamo stati abituati, superando le DUE ORE E UN QUARTO di informazioni altamente tecniche e utili per sapere:

– Perché i Networker MENTONO sul mito della RENDITA a VITA (e come invece crearne una VERA)

– Quante “gambe”deve avere la tua progettazione finanziaria

– Perché la KODAK non fa più “ciripiripì”

– Quale potrebbe essere la ciliegina sulla torta di Frank, se non avesse già dei roveti di more grosse e succose per i suoi paleo-dessert

– Quante volte devi rompere i maroni a Piernicola e Frank prima di farti mandare affanculo (ammesso che ti convenga)

– Il politico a cui è spesso paragonato Piernicola

– Quali sono i punti in comune tra la Vendita Professionale e il JiuJitsu Brasiliano

– Come mai la manicure non serve per il copy

– Come si sono conosciuti Frank e Piernicola (momento romantico)

– Perché la Silvia è come “la numero uno” di Paperon de’ Paperoni (vabbè, questa è facile)

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

A parte gli scherzi, nel frattempo che ho scritto questo post, il file audio che ho montato è già sul server. Quindi, dopo che Pier avrà scelto a chi delegare la creazione del post sul blog BusinessCaffeina.com il nuovo episodio sarà pronto per te, per godere di tutto quello che i nostri formatori preferiti ci hanno regalato anche questa settimana, ritagliandosi un pomeriggio tra partite di golf nei resort più esclusivi del Magreb e “mataleao” o “de la Riva” subiti sui peggiori tatami di Rio…

Io me ne vado a letto, domani ho un appuntamento importante dal Notaio ; )

P.S. grazie a te, ascoltatore affezionato, che permetti la messa in onda di questo podcast e che dai sempre spunti interessanti perché i nostri possano “far girare le viole”

P.P.S. Grazie a Cesare Augusto e a Giuseppe Verdi, due grandissimi esempi di genio italico, in campi diversi, ma uguali in quanto a “eternità”.

 

Iscriviti a Business Caffeina su iTunes per ascoltare questo episodio, clicca qui!

Buon ascolto e se non lo hai ancora fatto e ricorda di metterci un commento qui sotto o una splendida recensione su iTunes 🙂

 

Scarica direttamente il podcast iscrivendoti al nostro canale iTunes alla quale accedi cliccando sull’immagine qui sotto:

itunes

Piccola nota: abbiamo deciso di continuare a rilasciare il podcast in esclusiva su iTunes.
Prima di lamentarti, ricorda che noi dedichiamo 3/4 ore a settimana alla creazione di questi materiali gratuiti.
L’unica rottura che tu hai e’ quella di scaricare un software per poter ascoltare.
Direi che se non sei disposto a soffrire un po’ per installare iTunes non li meriti nemmeno.
(PS Mio papa’ a 66 anni mi ascolta su iTunes senza problemi :-))

Nel caso fossi piu’ impedito di mio padre ecco il video che il grande Alessandro Vignolo ti ha preparato per farti vedere come scaricare iTunes se hai Windows.

 

27 thoughts on “Episodio 15 – Esistono veramente delle rendite automatiche?

  1. Leandro

    Contenuti di valore anche in questo Episodio!! Nota tecnica : se Frank e Pier hanno deciso l’esclusiva su ITunes, hanno di certo fatto le loro valutazioni e penso che ‘lamentele’ non hanno spazio, nè senso, è compreso nel contratto :-). … Detto ciò, nel mio caso trovo comodo ascoltarlo anche su Android tramite apposita App (penso c’è ne siano a millanta, io uso podcast Addict, ma non ne ho testato nessuno altro). Il like e l’ascolto su ITunes naturalmente va messo comunque… se vogliamo che continui ad esistere. Ciao a tutti Rock n’ Roll

    Reply
  2. Pier

    Ciao Frank ciao Pier ! Seguo i vostri podcast dall’inizio e vi ringrazio per la mole di suggerimenti gratuiti che ci date ! Una domanda che volevo farvi, che da tempo mi perseguita. Riguarda l’Autorevolezza ed è questa:

    Ho creato un blog sul mio settore specifico ( sul network marketing. Frank non esplodere ! Già so come la pensi 🙂 ). Sto ricominciando da zero applicando i concetti di VV e cioè differenziandomi dagli altri networker che lavoraro alla cazzo di cane alla vecchia maniera appioppando di tutti di più senza cognizione di causa.

    Come faccio a trasmettere la mia autorevolezza se non ancora posso permettermi di mostrare i miei risultati ?

    Ho solo 15 anni di “esperienza” ma ho risultati altalenanti perchè ho sempre impostato il mio business alla vecchia maniera, sguendo i consigli sbagliati.

    Io ho pensato di utilizzare i Testimonials per adesso. Correggetemi se sbaglio. Accetto qualsiasi suggerimento e vi ringrazio in anticipo.

    Pier

    Reply
  3. Valeria

    Altro episodio bomba e ad alto valore di contenuti.

    A proposito delle rendite automatiche e in specifico del network marketing;ho assistito ad una presentazione di un azienda del settore turistico che propone come prodotto/servizio il diventare socio di un programma che mediante il taglio dei costi di intermediazione ti permette di risparmiare fino al 70% su oltre 200 strutture alberghiere,tra hotel e residence,in Italia,a fronte di 1400 euro acquisti 20 coupon che ti permettono di soggiornare per un settimana come scritto precedentemente.

    Vi chiedo se questo può essere un mercato o prodotto sostenibile o se mi sono trovato difronte ad un altro schema Ponzi.

    Grazie

    Reply
  4. Ilian

    Pier, ho sentito parlare del licensing solo in un contesto di software. Che cosa puoi dare in licenza di tuo in modo da generare una rendita automatica? Puoi fare un paio di esempi?
    Grazie 🙂

    Reply
    1. Piernicola De Maria Admin Post author

      Ilian non ho capito se e’ una domanda di tipo personale a me o il tu e’ impersonale. Appena mi chiarisci ti rispondo, visto che non ho tanta voglia di coprire entrambi i casi 🙂

      Reply
      1. Ilian

        Scusa il fraintendimento, era una domanda impersonale.
        Con “tuo” intendevo in generale una competenza che può avere una persona.

        Reply
  5. mauro

    Ciao PIer ciao Frank.
    Comunicazione di servizio, poi Frank che da tutto può smentirmi. Sul tempo di vita delle aziende, c’è un’azienda seria che lavora con successo ed in crescita dal 1959 che è XXXXX. Azienda che é presente e sviluppa e da la possibilità di sviluppare la rete in 100 paesi e territoriAll’interno di XXXXXXX alcuni marchi vivono da 80 anni come la YYYY, azienda dalla quale è nato il network marketing/distribuzione interattiva.
    In XXXXX vivono e prosperano reti guidate da seconde e terze generazioni.
    X quanto riguarda la formazione XXXXX ha una Academy, e all’interno delle reti di XXXXXX ci sono diversi stili di sviluppo dell’attività una delle più potenti e’ XXXXXXX .
    Chiaro e’ che fin che il sistema VV non viene recepito, le tecniche di vendita proposte ed insegnate sono quelle di 20/30 anni fa. Il discorso è. Lungo per ora mi fermo qui. cIao grazie per il vostro lavoro d le info che date fate crescere le persone che vogliono farlo seriamente.

    Reply
    1. Piernicola De Maria Admin Post author

      Mauro, ho tolto i riferimenti per ovvi motivi.

      La mia risposta a te e’ molto semplice. Quante di queste reti “guidate da seconde o terze generazioni” hanno un leader che si e’ proprio dimenticato che il network esiste e continua a prendere soldi?

      No, perche’ se sono GUIDATE allora non ha nulla a che vedere con l’automatismo.

      E’ un lavoro, e hanno avuto culo che il figlio ha voglia di vendere succhini come loro….

      Reply
      1. mauro

        Scusa Pier, hai fatto benissimo a togliere i riferimenti.
        Continuate cosi a darci preziosi consigli. Ciao Mauro.

        Reply
  6. Francesco

    Ciao Frank e Pier,
    grazie per la enorme quantitá e qualitá di suggerimenti che ci regalate ogni volta.

    In questa puntata é stato molto interessante capire che la nostra stupida mentalitá nel voler trovare sempre la scorciatoia per il successo, la via piú facile senza studiare e senza fare fatica, e che tu Frank hai chiamato giustamente la “mentalitá del Gratta e Vinci”, non ci porta da nessuna parte.
    Anche a me spesso capita di volere accorciare i tempi nell’ apprendere ma giustamente ho capito che questo non é possibile. Non c´é una strada piú corta, un modo per migliorarci senza farsi il culo. Prima lo capiamo, meglio é.
    Di nuovo grazie per ricordarcelo!!!

    Francesco

    Reply
  7. Ahmed

    Ciao mentori. Grazie per tutta la conoscenza che ci trasmettete con i vostei podcast. Spesso mi capita di ascoltarvi anche più volte lo stesso podcast per riuscire ad entrare nella vostra prospettiva di business.
    Volevo porvi un quesito: nelle vostre attività avete un flusso di cassa che viaggia tramitz bonifici o paypal ed è facilmente controllabile. Nel caso di PostePower o altre attività dove i soldi vengo gestiti in contanti, come fareste a controllare e delegare i vari incassi e versamenti vari?

    Spero che sia chiara la domanda.
    Grazie

    Reply
    1. Piernicola De Maria Admin Post author

      Risposta semplice: in PostaPower NON vengono gestiti pagamenti in contanti 🙂

      In generale, ti basta un sistema di controllo…

      Reply
    2. Piernicola De Maria Admin Post author

      PS e’ altrettanto chiaro che e’ il marocchino dentro di te che fa la domanda. La risposta e’ semplice. Quando vai in giro in Marocco nei posti tipo McDonalds, Pizza Hut, Centri Commerciali, etc.. secondo te loro se lo pongono il problema?

      No. Perche’ c’e’ una specifica procedura da seguire e dalla quale non si esce. Ovvio che quello che ruba c’e’, ma e’ molto attutito dal sistema.

      Reply
  8. giorgio

    Ciao ragazzi, vi faccio una domanda “fuori dal coro” un pò particolare : io sono anche un grande fan di Alfio Bardolla, solo che Alfio non ha mai detto la sua “sul fare business”.

    Perche non programmate un numero del podcast a 3 ? so che è una domanda particolare, però magari potrebbe essere un bel suggerimento, per mettere insieme i migliori business coach italiani..

    E magari una a 4 con Roberto Re ( ve lo immaginate che cosa pazzesca verrebbe fuori, sia di contenuti che soprattutto di visibilità per il podcast……)

    Reply
    1. Piernicola De Maria Admin Post author

      Giorgio, le cose fighe da fare sono veramente tante, ma per ora non e’ nella lista delle nostre priorita’…

      Le conversazioni con Roberto o Alfio ce le teniamo private per nostro godimento personale! 🙂

      Reply
    2. Frank Merenda Admin

      Giorgio, sei un grande fan ma ti sei perso il fatto che Alfio abbia invece addirittura scritto un libro “sul fare business”. Si chiama Business Revolution” e lo trovi in qualunque shop online.

      Reply
      1. giorgio

        si vero frank, infatti il libro me l’ero segnato e me lo leggerò in cazzeggio sotto l’ombrellone…

        Reply
  9. Arturo

    Ciao Ragazzi ,
    continuo con piacere ad ascoltarvi ed in parallelo ascolto i vostri podcast singoli (Efficacia Personale e Venditore Vincente).
    Anche se non sono ancora un vostro studente/cliente vorrei che continuaste a rispondermi come avete fatto in passato.
    In particolare c’ è un commento che ho lasciato sotto gli episodi precedenti dove parlavo di scontri tra davide e golia (piccole aziende vs grandi).
    Un altra cosa : Ricordo quando Frank ha detto che ha trasformato posta power in qualcosa di immateriale.
    Intende dire che le vostre aziende alla fine sono “fisicamente” tutte sul web ? Cioè non esistono uffici di rappresentanza o sedi reali ?
    Una chicca : trattandosi di business e creazione di imprese che girano bene, pensate che in futuro citerete come esempio qualche azienda Italiana ben fatta ?
    E magari anche qualche business man che si è fatto da solo ?
    Grazie mille e avanti tutta.
    Con affetto,
    Arturo

    Reply
  10. Max

    Ciao Piernicola & Frank,
    a parte per il podcast volevo ringraziare specificatamente Pier per il feedback sulla mia idea di business (che non era gratis, appena mi libero un po’ vengo a lavarti l’Aston Martin oppure con il primo milione prodotto dall’idea, di euro s’intende non di dirham, te ne compro una nuova) e Frank per il suo sostentamento all’economia brasiliana a suon di frullati e mignotte. 🙂

    Proprio sull’economia del Brasile, e sulle opportunità di business che potrebbe offrire, vorrei chiedere a Frank un suo libero pensiero nel prossimo podcast. Ovviamente mi rendo conto che potrebbe essere una richiesta solo di mio interesse.

    Ancora grazie, Max.

    Reply
  11. Francesco Chiappini

    [Informazione di servizio] Questo fantastico Podcast per il quale ringrazio Frank e Piernicola, è ascoltabile su Android su Podcast Addict o altre app per podcast.
    Siete Grandi!!! Vi seguo come una mappa del Tesoro!

    Francesco

    Reply
  12. Paolo

    Ciao Frank e Pier,

    complimenti per il podcast, molto ben fatto. Tempo fa ho scaricato un episodio a caso dallo store e da quella volta e’ finita che me li sono scaricati tutti quanti, ed alcuni li ho anche ascoltati piu’ di una volta. Non sara’ mica che c’e’ qualche suggestione ipnotica sotto?

    Scherzia a parte, credete che in futuro ci sara’ la possibilita’ di fare un podcast dedicato interamente al direct marketing? E’ un argomento che mi interessa molto in quanto finora sono sempre stato abituato a pensare nel modo tradizionale, vale a dire telefonate a freddo, appuntamenti ecc. Avere a monte un processo semi-automatico per generare lead sicuramente puo’ fare la differenza.

    Chiaramente non pretendo di scroccare contenuti a pagamento in un podcast gratuito, pero’ vorrei almeno arrivare ad avere le competenze per capire di quali elementi si compone il sistema e quali variabili valutare qualora decidessi di rivolgermi ad un professionista.

    Ciao e di nuovo complimenti,

    Reply
  13. Alessio

    Ciao Frank e Piernicola,
    datemi un vostro parere : con che faccia posso ripresentarmi dai miei clienti dopo che per motivi economici sono passato ad una azienda concorrente a quella per la quale ho lavorato circa 10 anni. In tutti questi anni ho decantato i pregi dei miei prodotti rispetto alla concorrenza ed ora mi trovo in una posizione davvero imbarazzante. Sono un venditore nel settore odontoiatrico.

    P.s. Se dite che sono un coglione lo capirò! 😉

    Grazie
    Alessio

    Reply
  14. Mauro

    Ciao Frank, Piernicola,

    Grazie per i contenuti che continuate a fornire.
    Una domanda..
    Spesso parlate di una generazione, quella attuale, che in molti casi va avanti a spese della generazione precedente, vuoi usandone il tfr, vuoi facendosi aiutare/mantenere anche per colpa del non riuscire ad adattarsi all’attuale restrizione del mercato del lavoro.
    Tutto questo per ora sembra sopportabile, ma con il passare del tempo si rischia di non poter più “vivere di rendita” e tante persone avranno problemi sociali.
    Arrivati ad un punto critico probabilmente i problemi e disagi si riverseranno però su tutti gli altri, mettendo in crisi diversi settori.
    Tornando alla domanda, vista la situazione, pensate ci siano dei settori che possano subire meno questa eventuale situazione? penso a chi opera prevalentemente su mercati esteri, piuttosto che sulla produzione di beni primari che nel bene o nel male, tutti hanno sempre bisogno.

    Grazie e buon lavoro,
    Mauro

    Reply
  15. Mario Bucca

    Frank e Piernicola buongiorno (o buonasera visto che qualcuno si è trasferito dall’altra parte del mondo:D). Non vi ho mai ringraziato pubblicamente per il podcast ma vi prego di aggiungere alla lista infinita dei grazie anche il mio.
    Ora che vi ho appucciositi vi pongo una domanda: Piernicola nell’ultimo podcast ha parlato del costo per lead che ha in una delle sue aziende. Potreste approfondire questo discorso? Ovviamente non mi riferisco strettamente all’aziende di Piernicola, vorrei semplicemente capire di più come calcolare in maniera precisa i costi per lead, che poi è quello che rende misurabile il ritorno delle campagne di marketing a risposta diretta. Se ne parla sempre tanto ma questo punto è sempre poco chiaro. Grazie infinite.
    Mario.

    Reply
  16. max

    Ciao ragazzi
    Vi seguo dalla prima puntata e devo dire che il vostro stile è inimitabile
    Grazie a voi ho messo in discussione parecchie mie scelte anche se credo che il mio lavoro sia poco scalabile, però mi state dando molti spunti anche per differenziare il mio lavoro “sul campo” (faccio il maestro di tennis)
    Mi piace il vostro stile schietto e senza fronzoli ,venendo da uno sport individuale come il tennis sono molto affine ai vostri concetti (alla fine le parole stanno a zero contano i risultati)
    In fondo nella vita è cosi
    Continuate cosi
    PS quasi quasi faccio un commento “da dipendente” cosi faccio incazzare Frank che è uno spasso, mi faccio insultare volentieri
    Max

    Reply
  17. Marzio

    Avevo sentito parlare del vostro podcast e mi sarebbe piaciuto ascoltarlo.
    Purtroppo non lo posso fare perché è pubblicato solamente su itunes.
    Avendo un pc linux, e non esistendo un client itunes per linux, non mi è possibile scaricarlo.
    So che gli utenti linux sono una minoranza, e probabilmente non vi importa di perdere (nel senso di non acquisire) qualche ascoltatore, però sappiate che non esiste solo windows e mac.
    Mi dispiace perdermi il vostro podcast, ma non posso perdere giorni per cercare di installare itunes dove non è previsto.

    Reply
    1. Frank Merenda Admin

      Caro Marzio, capisco la tua frustrazione, però cos’è un podcast?
      E’ un “show” in audio che puo’ essere trasmesso su piu’ canali.

      Noi come canale abbiamo scelto iTunes, quello che ci offre maggiore visibilita’
      e che raggiunge piu’ persone senza richiedere troppa fatica.

      Come per tutti i media, quando ne scegli uno escludi necessariamente chi non lo utilizza.

      Lo accettiamo e dormiamo tranquillamente consapevoli di aver fatto
      un torto ad una piccola percentuale di umanita’.

      Ma cosa penseresti se una persona si lamenta che non trasmettono
      in radio la sua serie TV preferita perche’ lui non ha la TV ma usa solo la radio?

      Io penserei che o si compra una televisione o la smette di rompere i coglioni.

      Sostituisci TV con Mac/Windows/Android e Radio con
      “Linux/Ubuntu/Comecazzosichiamanoglialtrisistemioperativi”.

      Piernicola

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *